Pensare Oggi Per Scrivere Il Domani

Perché Salvini sarà il prossimo Presidente del Consiglio

Politica nazionale
Reading Time: 2 minutes

Perché Salvini sarà il prossimo Presidente del Consiglio; ecco la mia su questa affermazione.

Sono mesi che incontro persone preoccupate di un possibile Governo Salvini e con il passare del tempo, cari amici, più vi ascolto e più aumenta la certezza che tutto questo accadrà. E accadrà perché ci sono dei motivi che certamente sono più profondi rispetto alle facili etichette “fascisti”, “razzisti” e “ignoranti”. L’arma più forte che ha Salvini sono i suoi oppositori. Si può passare dalle Sardine al PD, dal Movimento 5 Stelle a Italia Viva, che nessuna di queste forze politiche propone, concretamente, una visione di Paese. La moneta della propaganda ha coinvolto ogni forza politica presente in Italia, ma l’originale Uomo della Propaganda è migliore rispetto alle imitazioni. Dunque, perché non provate una strada alternativa? Ad esempio, quella di smettere di disprezzare gli elettori di Salvini e di confrontarvi sui dati (che Salvini ha sempre dimostrato di avere scarsa conoscenza) che analizzano i problemi.

Ogni vittoria e ogni sconfitta politica ha una dinamica culturale. La vittoria di Salvini che implica la sconfitta dei suoi oppositori è rappresentata dalla forma culturale caratterizzata dal disprezzo. Gli oppositori di Salvini non si concentrano di proporre una visione ma di alimentare, in maniera costante, la spettacolarizzazione della politica attraverso l’attacco continuo agli elettori. Anziché capire per quale motivo gli stessi elettori che votavano loro adesso votano Salvini, gli oppositori si limitano, in modo superficiale, di attaccarli. Il disprezzo nei confronti degli elettori di Salvini è incredibile, ancora più incredibile è il fatto questi elettori, non molto tempo fa, davano forza alle forze opposte e contrarie a Salvini. Gli operai della Sinistra oggi scelgono Salvini. Signori, non pensate che state sbagliando qualcosa? Non pensate che forse le paure vanno comprese anziché attaccate? Sia chiaro, Salvini, neanche lui, risponde alle paure in maniera concreta però le comprende. E voi? Le disprezzate.

Il disprezzo è la ragione culturale per la quale le grandi masse si allontanano dalle “alternative” di Salvini. Non saranno le facili etichette e le indignazioni social a restituirvi forza politica bensì la comprensione delle paure delle persone. E questo semplice messaggio non è stato capito neanche dalla maggioranza degli intellettuali di Sinistra. Martedì scorso ascoltavo Corrado Augias in televisione e alla fine di un suo intervento ha detto “Essere di destra è facile, perché essere di destra vuol dire andare incontro a quelle che sono le spinte istintive che tutti hanno. E che vengono invece moderate, indirizzate meglio dal ragionamento, dalla conoscenza degli argomenti, da un senso nobile di altruismo, da tante cose (..). Essere di sinistra è più difficile. Quello di sinistra gioca su un terreno dove la conoscenza degli argomenti è fondamentale, quello di destra dice ‘a me, gli immigrati mi fanno schifo’. Fine.” Tutto questo detto in maniera più semplice e chiara vuol dire: se voti Salvini sei un povero imbecille, se voti noi sei migliore. Se non l’ha ancora capito Augias non vedo allora per quale motivo lo dovrebbero capire anche tutti gli altri oppositori di Salvini.

Tutti i diritti riservati a https://www.increscita.net/sito/