Pensare Oggi Per Scrivere Il Domani

Mes sì, Mes no?

Stazione governo
Stazione governo
Reading Time: 2 minutes

Dopo le dichiarazioni di Conte ormai non si può più fare a meno di parlare del Mes. Il Mes è il Meccanismo Europeo di stabilità con sede in Lussemburgo e creato per far fronte alla crisi finanziaria del 2008-2010. 
È un fondo grazie al quale gli Stati europei in gravi difficoltà economiche possono attingere. A dirigere il Mes sono: i ministri dell’economia dei paesi membri, i dirigenti da loro nominati, il Presidente della BCE e il Commissario europeo agli affari economici. Per poterne usufruire bisogna richiedere l’intervento del Mes che deve essere accordato dalla Commissione Europea. Per via della crisi economica dovuta alla pandemia da coronavirus l’Ue ha deciso che tutti gli Stati membri possono attingere al Mes per una certa percentuale che per quanto riguarda l’Italia corrisponde a 36mld di euro circa spendibili solo sulla sanità. 


Ad essere a favore per l’utilizzo del Mes sono: Forza Italia, Partito Democratico, Italia Viva, Azione e Liberi e Uguali. Invece ad essere contrari a questi 36mld sono: Movimento 5 stelle, Lega e Fratelli d’Italia. 
La tesi di chi è a favore del Mes è la seguente: abbiamo un rapporto debito/Pil al 150%, la sanità al collasso perciò ci fa comodo qualsiasi tipo di liquidità anche quella del Mes che per di più ha un tasso di interesse agevolato. 


Giuseppe Conte per ora conferma la linea dell’azionista di maggioranza del governo dicendo che ora il nostro obiettivo sono i soldi del Recovery Found (e come dargli torto). Chissà se la posizione  di “Giuseppi” cambierà.


Secondo me l’Italia non dovrebbe richiedere il Mes per i seguenti motivi: è un Meccanismo relegato al passato e non adatto a questa crisi.
La parte del Recovery Found per l’Italia dovevano essere 172mld di euro e invece saranno 209 mld per cui la somma del Mes (che ovviamente non è Mes) è già compresa in questa somma maggiore che Conte è riuscito a ricevere durante le trattative. Obbliga lo Stato a fare tagli alla spesa pubblica ed è proprio l’opposto di quello che serve ora all’Italia.

InCrescita

Tutti i diritti riservati a https://www.increscita.net/sito/