Pensare Oggi Per Scrivere Il Domani

Il Coronavirus è un grosso problema?

Attualità
Coronavirus
Reading Time: 2 minutes

Il Coronavirus è un grosso problema? No.

Ci sono momenti nella storia nei quali è necessario mettere da parte le polemiche e le visioni diverse per un bene. Il bene in questo periodo è la salute dei cittadini, come si ottiene? Con un impegno comune.


Il coronavirus sta spaventando molto in questi giorni, ma gli esperti vi dicono di stare tranquilli: la nostra sanità è una delle migliori. Bisogna avere fiducia nel paese Italia, io mi fido. Abbiamo prese buone precauzioni fin da subito, ma abbiamo dei casi. Può succedere, con il senno di poi forse avremmo fatto scelte diverse, ma in quel momento io credo che siano state fatte delle scelte giuste. C’è chi dice che abbiamo fatto troppo, chi troppo poco, ma una cosa è certa i “No Vax” non si sentono più. I vaccini, quanto se ne è parlato nei mesi passati, ora invece tutti alla ricerca. Più serietà e meno chiacchiere. Non siamo tutti virologi, tutti medici, gli esperti parlano gli altri si devono fare una propria idea basata però su punti veri, non sulle fake news che leggiamo puntualmente sui social.


Serve una ripresa, il mondo non ci sta vedendo bene oggettivamente, ci vedono come quelli che non hanno saputo evitare il virus, che non si sono saputi difendere, da un attacco, ma quale attacco? Un virus che colpisce tutti i possibili, non è razzista si dice, con una crescita esponenziale e che almeno in Italia ha trovato una risposta; test, quarantene, almeno lo abbiamo identificato e sappiamo, da Paese libero, e lo rivendico, quanti casi abbiamo veramente nelle nostre terre. Serve, però, una risposta italiana che deve partire dalla collaborazione di tutte le forze politiche e da tutti i cittadini.

L’economia si deve riprendere, il turismo deve ripartire e l’Europa va cambiata. L’Europa mi pare distante, ma come l’Europa in cui tanto credo, mi pare rivolta da un’altra parte. Forse mi sbaglio però questo è quello che percepisco da giovane cittadino. Io nell’Europa credo e crederò però qualcosa deve cambiare perché io da cittadino europeo mi voglio sentire al centro di una comunità vera e solidale nel momento del bisogno come io sono stato e sarò solidale in mondi difficili di altre nazioni europee.


L’italia è un paese sicuro. Io ci credo fortemente.  La nostra sanità è tra le migliori al mondo non mi stancherò mai di dirlo anche perché è caratterizzata da persone speciali, gli italiani non sono come gli altri poiché hanno quel qualcosa in più che il paese Italia ha dentro di sé.

Lavoriamo tutti insieme: governo, opposizione, politici, cittadini per la ripresa economica del nostro tanto amato Paese. Per una volta tutti uniti di fronte al mondo che ci osserva per far vedere che il popolo italiano in un momento di difficoltà sa reagire e reagisce bene, prontamente e da stato.

InCrescita

Tutti i diritti riservati a https://www.increscita.net/sito/