Pensare Oggi Per Scrivere Il Domani

Anche l’antifascismo è fascismo?

Attualità
Reading Time: 3 minutes

Anche l’antifascismo è fascismo?

Nel dibattito politico attuale vi è la corsa ad una semplificazione eccessiva della narrativa sociale creando costantemente la necessità di individuare un nemico. Se difendi i confini: sei un sovranista, se difendi i diritti sociali: sei un populista, se difendi l’integrazione: sei un buonista, se difendi l’Europa: sei un radical-chic. Sei attacchi l’Europa: sei incompetente e ignorante. Se attacchi la mancanza di una politica migratoria: sei fascista, e potrei continuare all’infinito.

Come prima considerazione è doveroso affermare che questa eccessiva semplificazione della realtà crea un netto distacco dall’interesse della politica in ognuno di noi ma purtroppo, in quest’epoca, non si ha la forza di reagire davanti a queste semplificazioni bensì si ha la forza di fuggire da esse. Non si pensa “devo dare un contributo culturale per migliorare il dibattito” bensì si dice “non mi fanno capire niente”, “non li voglio sentire”, “dicono sempre le stesse cose” alimentando una coscienza pigra che con il passare del tempo si va a distruggere creando un vuoto colmato dal vero fascismo.
Il vero fascismo è quella coscienza del non interesse che colma un vuoto culturale. Un fascismo a trazione consumistica che ha come obiettivo la “borghesizzazione americaneggiante” (P. P. Pasolini) che non conosce classe sociale in quanto le influenza tutte.

E’ un nuovo potere che ha due principi fondamentali: produrre e consumare; principi che creano dei modelli culturali che indirizzano la società verso nuovi principi come l’egoismo, il pettegolezzo, il moralismo, il conformismo e l’omologazione. Se ci distacchiamo un attimo dal gregge notiamo che sia nel linguaggio che nel comportamento abbiamo gli stessi modi di vivere, gli stessi modi di disprezzare, gli stessi modi di pensare, le stesse non coscienze critiche. Cosa vuol dire? Che gli esseri umani sono interscambiabili. Cosa ha di diverso un giovane americano da un giovane italiano? Cosa ha di diverso un giovane cinese da un giovane tedesco? Ecco, la civiltà dittatoriale è quella attuale, quella dei consumi. Come direbbe Bauman “Consumo dunque sono”;è una sintesi apprezzabile in quanto la coscienza di un essere umano non si identifica più con valori di pensiero bensì con valori di consumo.

I predicatori dell’antifascismo sono ingenui e in malafede in quanto attaccano la mancata comprensione del Presente attraverso la colpa del Passato nascondendo la loro consapevolezza nei confronti di un’omologazione totalitaria del Mondo che è fascismo in quanto agisce nel fondo dell’anima e logora il senso di comunità. Non è un fascismo d’accettazione o di superficie. E’ un fascismo che ha colmato un vuoto di coscienza attraverso la smania del consumo e del giuramento ad un’ideologia che è quella edonistica. E’ un fascismo che ha agito e continua a farlo nel profondo dell’anima modificando radicalmente i nostri comportamenti, i nostri costumi, i nostri linguaggi, i nostri modi di pensare e anche i nostri valori dando vita a non-valori perché privi di una coscienza culturale di base.

Ma poi, con tutta sincerità, voi vi immaginate un Mussolini al giorno d’oggi? Risulterebbe fortemente anacronistico, teatrale, quasi comico, sia per gli argomenti che per i modi comunicativi. E dunque? Coloro che parlano di progresso si incatenano nel Passato? Questo è per voi avere una visione? Una missione? Abbiamo dinnanzi a noi un fascismo vero, percepibile, che agisce culturalmente e che quindi influenza la vita politica, e voi di cosa vi occupate? Del fascismo storico. Di un fascismo lontano, del Passato, che guardate con timore, mentre questo vostro timore dovreste utilizzarlo per il fascismo che agisce e che stravolge le società.
Della vostra semplificazione, più che del concetto, non tollero la vostra malafede, l’evidente ipocrisia che indossate per strumentalizzare una narrativa sociale come quella attuale che non ha bisogno di disprezzo bensì di conoscenza, di confronto e di comprensione.

Sempre sul fascismo e antifascismo leggete: https://www.increscita.net/sito/fascismo-e-antisemitismo-minacce-ancora-esistenti/

Tutti i diritti riservati a https://www.increscita.net/sito/